VINCENZA SPIRIDIONE

Category
Artisti Pittura

Pittrice autodidatta fin dall’adolescenza, Vincenza Spiridione, di origine lucana, vive e lavora a Roma. Dopo aver conseguito la Laurea in Giurisprudenza, si perfeziona a Roma in scultura, pittura moderna e pittura antica (scuola serale comunale Nicola Zabaglia) dove consegue il diploma in scultura e pittura antica. Nel 2017 consegue il Baccalaureato in Sacra teologia, a completamento di una formazione umanistica che traspare nella sua arte. Rappresenta la propria visione della realtà attraverso un personale linguaggio figurativo che le consente di sintetizzare le forme, di plasmare la materia assecondandone potenzialità e caratteristiche, raggiungendo l’immediatezza del messaggio informale, con rimandi figurativi, simbolici e concettuali che valorizzano il segno. Alla radice del suo lavoro originale sta il messaggio autentico e viscerale mirato a rappresentare contraddizioni e drammi del nostro tempo, in particolare il quello delle migrazioni dai paesi del sud del mondo, spesso in guerra. (rif Progetto UOMODOVEVAI). L’impegno nel sociale tende al superamento delle condizioni di sfruttamento ed annientamento dell’essere umano, affinché prevalga la cultura della Persona, sulla base dei valori dell’ accoglienza, della giustizia, della pace e dell’Amore, unica risposta ai mali dell’uomo nel mondo “globalizzato”, come testimoniano la tela raffigurante Cristo, “Il Maestro” e l’opera scultorea “Virtuale e Creativa”, dove una donna di altri tempi si stupisce nel veder comparire sul monitor del computer la parola “amore” in tutte le lingue del mondo. Nell’indagare sul declino dell’umanità, si inseriscono le sculture dedicate al femminicidio: “C’era una volta l’Amore” e “Tango Amore e…”.Da oltre vent’anni espone le sue opere in mostre personali e collettive in Italia, Germania, Polonia, Finlandia e Danimarca.